STAY TUNED

Book collection 10 anni
Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  • No products in the cart.

Il bisogno di una visione nuova di Maurizio Montagna

Tutto ciò che tocchi Tutto ciò che vedi Tutto ciò che assaggi Tutto ciò che senti. Questi quattro versi di chiusura di Eclipse del celeberrimo “The dark side of the moon”, storico album dei Pink Floyd, sintetizza il bisogno di riformare la visione che è comprensione dello spazio infinito con il quale ci confrontiamo nella nostra quotidianità.

La percezione oggi deve continuamente superarsi in velocità per esaudire la voracità dei nostri sensi: non solo a causa della maggior compressione e dilatazione dei vari modelli di realtà che consumiamo, ma anche per la necessità di attivare i giusti anticorpi alla nostra pigrizia e staticità. Questi due virus infatti sono socialmente inoculati e coltivati al fine di un controllo capace di anestetizzare talvolta anche le menti più attente e vivaci.

Sarebbe auspicabile che il mondo dell’arte riguadagnasse la capacità di stimolare l’attività sensoriale di questa società, non chiudendosi in una continua esperienza autocelebrativa, ma riattivando la manifestazione di codici di espressione d’immaginari capaci di proporre nuove o più profonde visioni del mondo, modificando così il concetto stesso di spazio nel quale queste stesse manifestazioni vengono promosse. La critica dovrebbe invece a mio avviso convogliare tutti gli attori di questo movimento attraverso il media che utilizzo, la fotografia; uno straordinario strumento totalmente incompreso dagli operatori stessi, i fotografi.
Il fine ultimo è cercare di aiutarci l’un l’altro a comprendere il mondo facendo fruttare l’esperienza di chi il mondo lo vuole guardare davvero.

 

Ph: trittico_Giuseppe_Terragni_casa_Rustici_biennale_venezia_architettura cm 185 x 270 cm 

 

Maurizio Montagna lavora con la fotografia da 20 anni. I suoi lavori attraversano temi legati al paesaggio urbano, all’architettura e allo studio delle varie modalità espressive offerte dalla fotografia. Realizzando progetti articolati che creano relazioni tra linguaggio e rappresentazione, il suo lavoro mette in discussione la stessa potenzialità documentaria della fotografia.
mauriziomontagna.com