STAY TUNED

Book collection 10 anni
Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  • No products in the cart.

Industrial Office, la nuova collezione di Philippe Malouin

Semplici forme, colori allegri e materiali industriali caratterizzano la nuova collezione di mobili per ufficio del designer canadese Philippe Malouin, presentata il mese scorso a Design/Miami Basel 2019. In forte contrasto con il lusso sfavillante che spesso contraddistingue il Salone, la nuova collezione Industrial Office prende forma e ispirazione da accessori per il lavoro modulari, e comprende: una scrivania, sedie, lampade, telefoni, contenitori, tappeti, scaffali e attaccapanni.

Protagonisti a sorpresa i materiali: gomma poliuretanica fusa, nylon e acciaio rivestito in poliuretano testurizzato. L’arredo acquisisce così nuove proprietà e caratteristiche meccaniche proprie di settori diversi, soprattutto: flessibilità, traslucenza e leggerezza. I colori accesi e brillanti della palette sono scelti appositamente per enfatizzare la provenienza industriale. Anche i segni visibili di saldatura celebrano i semplici processi utilizzati nella loro fabbricazione.

 

 

Noto per la sua produzione diversificata, che spazia dall’arredamento ai prodotti, dagli oggetti d’arte alle installazioni, il designer da vita alla collezione a partire da un esercizio di sperimentazione, che arriva ad esprimere una sintesi estetica che testimonia il potenziale di questi materiali del mondo industriale.

<<We have been working on office projects for a while and this show embodies some of the research we have done – racconta Malouin –  <<I was interested in studying archetypes and challenging them with different materials with specific functions attributed to them>>.

L’idea nasce da un lungo studio e da un’intensa attività di progettazione nel settore contract, che ha portato il progettista a ricercare gli archetipi e a fare ricerca. La forma segue più che mai i materiali, creando un’estetica puramente funzionale, sebbene conservi un’originalità insolita.

 

Elisa Viglianese