STAY TUNED

Book collection 10 anni
Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  • No products in the cart.

La visione minimalista di Leana Cagnotto

É molto insolito parlare della mia visione della fotografia.
Ho compreso il mio modo di agire dietro la macchina fotografica quando ho iniziato a riflettere su dove si soffermasse naturalmente la mia attenzione. Nella babele di forme, colori e aspetti che attraversano la quotidianità ho riconosciuto una propensione verso singoli elementi. Il concetto, anzi l’istinto che veicola il mio sguardo mi porta a selezionare. Le mie fotografie sono la sintesi di ciò che cattura la mia attenzione, focus su pezzi di un insieme che spontaneamente sbiadisce sino a lasciare spazio a singoli elementi.
Il mio sguardo estrapola piccoli ritagli, frammenti di immagini più complesse, li isola sino a regalare un nuovo insieme. Talvolta è solo un piccolo oggetto che ne incrocia un altro creando utopiche e sorprendenti geometrie, altre volte sono gigantesche linee che si compenetrano tra loro e realizzano ciò di cui il mio occhio ha estremo bisogno.
La luce è l’elemento irrinunciabile e volubile che ho per esprimermi, un elemento fondamentale nello scatto che talvolta mi tradisce; provo sempre un forte dispiacere quando vedo qualcosa di davvero interessante ma, so che con la luce giusta, potrei vedere qualcosa di realmente unico per il mio senso estetico, ma certe immagini non si potranno mai realizzare senza la luce perfetta.

 

Ph: Immagine tratta dal progetto    [  ] 1

 

Leana Cagnotto nasce a Rosarno (RC) nel 1991. Nel 2010 si trasferisce a Torino e frequenta lo IED.Fotografa specializzata in architettura e interior design, incentra la sua ricerca artistica sull’elemento grafico e materico. Le sue immagini catturano elementi parte di un insieme architettonico creando veri e propri focus.
Il carattere statico viene veicolato attraverso una pura ricerca minimalista che regala all’elemento isolato una costruzione nuova. Le architetture vengono percepite nel loro insieme focalizzandosi sulla loro collocazione e sul rapporto con l’ambiente circostante. Le sue visioni regalano al particolare un significato altro, innalzandolo da elemento decorativo a struttura a sé, divenendo talvolta veri e propri pattern attraverso le variazioni di materia, forma e colore.
behance.net/LeanaCagnotto