STAY TUNED

Book collection 10 anni
Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  • No products in the cart.

Living Nature. La natura dell’abitare

La settimana più attesa dal mondo del design è cominciata e possiamo affermare ufficialmente che la parola chiave di questa edizione è sostenibilità. A dimostrarlo non è solo l’ampia gamma di prodotti e soluzioni green presentati al Salone ma anche la nuova installazione “Living Nature. La natura dell’Abitare” inaugurata quest’anno in piazza Duomo, davanti a Palazzo Reale.

Un progetto avveniristico che dimostra la funzionalità delle nuove tecnologie per il controllo climatico

Il padiglione, progettato dallo Studio Carlo Ratti Associati con lo Studio Römer, si propone come l’inizio di un nuovo modo di pensare il rapporto tra uomo e natura e sarà visitabile fino a mercoledì 25 aprile.
Uno dei maggiori problemi del nostro tempo è l’impoverimento delle risorse naturali e della biodiversità, fenomeni che testimoniano uno vero e proprio squilibrio ecologico. In questo contesto il centro abitato simboleggia quella dimensione artificiale moderna denaturalizzata che spinge i progettisti verso una rigenerazione dell’ambiente urbano. Il fine è quello di riportare la natura in città, una città come Milano che negli ultimi tempi è diventata protagonista di numerosi interventi, tra cui il giardino verticale, un progetto di riforestazione metropolitana.

 

 

Ma è con Living Nature che possiamo osservare come uno spazio, domestico o urbano, possa diventare più vivibile utilizzando risorse naturali in modo sostenibile.
L’obiettivo è quello di sperimentare nuove tecniche di gestione dei flussi energetici. L‘ambiente ospita quattro microcosmi naturali, ognuno rappresentante una stagione dell’anno. I visitatori possono vivere l’esperienza del cambiamento climatico attraversando le aree, arredate con diversi temi. Un progetto avveniristico che dimostra la funzionalità delle nuove tecnologie per il controllo climatico.
La struttura di 500 metri quadri è alta 5 metri ed è coperta da una membrana in Crystal responsiva dotata di sensori che reagiscono alle condizioni di luce, consentendo la regolazione della temperatura interna. L’energia elettrica è prodotta da una serie di pannelli fotovoltaici organici, posti sulla copertura e viene utilizzata per alimentare uno scambio di calore. L’energia termica trasferita infatti permette di raffreddare l’area invernale e, con un sistema di accumulatori energetici, riscaldare l’area estiva. I colori sono quelli dell’Inverno, della Primavera, dell’Estate e dell’Autunno: una tavolozza di ventitré diverse specie vegetali, selezionate dal botanico francese Patrick Blanc. Infinite sfumature di verde e marrone che dalla Betulla himalayana e l’Abete invernali passano per la primavera con i suoi Meli e Ciliegi in fiore, arrivando al verde brillante del Tiglio Cordato estivo e all’Acero giapponese autunnale.

 

Living Nature fonde design, botanica e ingegneria e spinge l’uomo a recuperare la sua intima connessione con la natura, quella che il biologo di Harvard Edward O. Wilson definisce Biofilia.

 

Photo credit by Delfino Sisto Legnani, Marco Cappelletti e Salone del Mobile

 

Chiara Grossi