STAY TUNED

Book collection 10 anni
Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  • No products in the cart.

#MDW2018 | Brera Design District e dintorni

 

Polo all’avanguardia del mondo del design, il Brera Design District è uno dei più importanti distretti che caratterizzano l’appuntamento annuale della Milano Design Week. Con 180 showroom, 300 000 visitatori e 300 eventi rappresenta una tra le destinazioni chiave e più visitate durante il Fuorisalone.
La nona edizione, che si aprirà il 17 aprile per concludersi domenica 22, mette in scena un vastissimo programma di eventi, presentando progetti sul territorio, lanci di marchi nazionali e internazionali, eventi culturali e diverse performance trasversali al mondo della progettazione.
Be Human: progettare con Empatia” è il tema dell’edizione 2018, un tema sempre più attuale, emerso e discusso durante i Brera Design Days – 6-12 ottobre 2017 -, collaborando attivamente con Fondazione Empatia Milano.
Sentimento alla base delle relazioni umane, l’Empatia viene analizzata e interpretata dai designer come un collegamento tra il design e la vita, tra ciò che è bello e funzionale con la natura umana, ponendo come focus che conoscere profondamente gli utenti è sempre il punto di partenza quando si progetta. Per il loro contributo al mondo del design empatico sono stati scelti 3 ambassador: Daniele Lago, Elena Salmistraro e Cristina Celestino.
Quest’anno il premio “Lezioni di Design” va a “The Socialite Family”, un progetto di Constance Gennari e Marianne Grosset che hanno realizzato una piattaforma online che racconta storie personali rivelando la connessione empatica tra interior design e stili di vita.
Tra gli eventi in programma ricordiamo: “Souvenir Milano”, curato da Raffaelle Guidabono, in cui 12 designer mettono in mostra la città come prodotto iconico handmade; “Brera Gourmet Aperitif”, un happy hour creato ad hoc dai bartender del locale e dall’équipe dello chef Giuseppe Greco; il progetto “Corallo” di Cristina Celestino su un tram del 1928, il “Giardino Nascosto” di Pierattelli Architetture, il progetto urbano “MI-ORTO” di Eataly, l’installazione di Elena Salmistraro per Timberland in Piazza XXV Aprile e molti altri, tutti organizzati per impreziosire gli edifici e le strade di Brera.
Ricco il calendario degli eventi settimanali che vedono protagonisti importanti marchi nazionali e internazionali, come: Maisons du Monde, Panasonic, Hem, Wallpaper, Agape Casa, Palomar, Timberland, Fattobene, e altre presentazioni temporanee. Per quanto riguarda i designer, BDD presenterà Daniel Libeskind, Lee Broom, Stefano Boeri Alfonso Femia, Cino Zucchi, 967arch e Maurizio Varratta per Dn, e molti altri.

 

Per la Milano Design Week 2018, Ventura Projects presenta due grandi progetti organizzati e curati da Organization in Design, Margriet Vollenberg e Fulvia Romogisa: Ventura Centrale e la prima edizione di Ventura Future.
Progetti e installazioni presentati da istituzioni caratterizzano da sempre Ventura Centrale, che si articola nella zona di Via Ferrante. Tra i progettisti e designer che esporranno le nuove collezioni nel distretto ricordiamo: Federica Biasi in collaborazione con Mingardo, Patricia Urquiola e Federico Pero.
Si presenta invece come novità nell’edizione della Milano Design Week 2018 la prima edizione di Ventura Future, uno spazio collettivo per la sperimentazione nel campo dell’arte contemporanea con impronta futuristica che si svolgerà in tre location nel distretto di Loreto: le porte di Loft, FuturDome e l’ex Facoltà di Farmacia. Tutto sarà incentrato sulla visione del futuro e sull’evoluzione del design, in un mondo che sempre più si sta svincolando da strutture convenzionali per progettare e rendere concrete soluzioni radicali. Focus sul cross-practice, in particolare tra designer, ingegneri e matematici, la cui collaborazione interdisciplinare sta portando ad ottimi risultati.

 

Rappresentate del vasto mondo del foodesign, Porta Venezia in Design è un circuito del Fuorisalone che unisce design a un percorso food&wine, con un contesto culturale dell’architettura Liberty, di cui la zona è molto ricca. Anche quest’anno il distretto offre ai visitatori tre percorsi: le nuove collezioni, esposte in showroom, negozi e spazi temporanei dalle aziende; il percorso “Food&Wine”, in selezionati locali e ristoranti e il percorso “Liberty” con i tour organizzati in collaborazione con il FAI. Tra i protagonisti ricordiamo: Jannelli&Volpi, Manerba, Philippe Tabet, Serena Confalonieri e Studio Swine.

 

Credit illustration by Federico Conti Picamus

 

Elisa Viglianese