STAY TUNED

Book collection 10 anni
Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  • No products in the cart.

NY: in mostra il design per la disabilità

“Fills one with real optimism”. Il New York Times la definisce così: “un ottimismo reale” proiettato in un futuro che cambia e diventa sempre più sensibile ai temi della diversità e della disabilità.
Fino al 3 settembre 2018 il Cooper Hewitt, Smithsonian Design Museum di New York ospita la mostra “Access + Ability”, un’esposizione che raccoglie oltre 70 progetti sul tema dell’accessibilità sviluppati nell’ultimo decennio. Dai prodotti low-tech che assistono la routine quotidiana alle più recenti tecnologie, la mostra esplora il mondo del design inclusivo capace di favorire l’integrazione di coloro che vivono la disabilità ogni giorno, promuovendo la qualità della vita.
Capi di abbigliamento adattivo, protesi, rivestimenti, app e nuove tecnologie intelligenti diventano un valido strumento di aiuto nelle interazioni sociali e nel movimento. Tra i progetti troviamo: Emma Watch, un orologio da polso che permette agli utenti con tremori di recuperare l’utilizzo della mano; Laugh Out Loud Aid (LOLA), un’app che stimola i ragazzi autistici ad usare gli strumenti digitali; Maptic, un sistema di navigazione tattile costituito da braccialetti e collane per persone non vedenti; Racing Wheelchair, una nuova sedia a rotelle da corsa per gli atleti paralimpici realizzata in fibra di carbonio.

La mostra esplora il mondo del design inclusivo capace di favorire l’integrazione di coloro che vivono la disabilità ogni giorno, promuovendo la qualità della vita

Sviluppata in collaborazione con designer, persone con disabilità, accompagnatori, terapisti e neuroscienziati, la mostra è simbolo degli sviluppi più recenti nel settore delle nuove tecnologie e invita a riflettere su cosa le persone con disabilità sono in grado di realizzare quando viene data loro la possibilità. L’iniziativa è accompagnata da laboratori, workshop, incontri e dibattiti sul tema, volti a sensibilizzare i partecipanti e a diffondere una corretta informazione.
Parallelamente lo scorso novembre sul territorio italiano si è svolto il “World Usability Day Rome”, una conferenza centrata sul tema dell’usabilità. Tema 2017: l’inclusione.
Questi progetti e queste iniziative testimoniano una sensibilità sempre maggiore verso il tema della disabilità e la risorsa intrinseca del design inclusivo. Tecnologia, accessibilità ed empatia sono alla base del nuovo processo di progettazione che da vita a prodotti e servizi per tutti.

 

Elisa Viglianese