Produzione friulana, Design internazionale

  • Crassevig_Aura_new_didascalia
  • Crassevig_Bias_new_didascalia
  • Crassevig_Otto_new_idascalia
  • Crassevig_Lineo_new_didascalia
  • La_Cividina_Accursio_new_didascalia
  • La_Cividina_Ala_new_didascalia
  • La_Cividina_Guest_new_didascalia
  • La_Cividina_Fan_new_didascalia
  • La_Cividina_Sharpei_3_new_didascalia
  • La_Cividina_Sharpei_4_new_didascalia
  • La_Cividina_Sharpei_5_new_didascalia

Ci sono aziende che nel tempo hanno sempre saputo come imporsi sul mercato utilizzando le sole armi di cui tutti oggi dovrebbero dotarsi per emergere o mantenere il proprio posizionamento: innovazione e ricerca. Lo sanno bene due aziende friulane che da generazioni lavorano per offrire il meglio alla propria clientela. Stiamo parlando di Crassevig e La Cividina, due marchi importanti specializzati in tavoli e sedute il primo e poltrone e divani il secondo. Nati a cavallo tra gli anni ’60 e ’70, entrambi sono accomunati da parole chiave che ne determinano il successo: innovazione, rispetto per la tradizione, saggezza imprenditoriale, qualità dell’artigianato.

Crassevig detiene il proprio primato da tre generazioni, mantenendo la propria cifra distintiva nella curvatura del legno che consente di creare oggetti dal design unico e irripetibile, grazie anche alla collaborazione con i designer più accreditati nel panorama internazionale.
Al recente Salone del Mobile, l’azienda di San Vito al Torre (Udine) ha presentato le novità in catalogo.
Lo sgabello Otto disegnato da Mario Ferrarini, un tubo in acciaio sagomato che si appiattisce nella parte inferiore per diventare poggiapiedi, accoglie la seduta disponibile in legno o nella versione imbottita. È sempre di Ferrarini anche il design di Aura, famiglia di sedute imbottite destinate principalmente al conctract che consentono personalizzazioni e soluzioni diverse a seconda degli spazi e delle esigenze.
E poi ancora Lineo, degli austiaci Heike e Harald Guggenbichler che sfrutta perfettamente la tecnica della curvatura del legno e il tavolino Bias dei designer berlinesi David Geckeler e Frank Michels ispirato all’arte grafica.

Nati negli anni ’60 e ’70, sono accomunati da parole chiave che ne determinano il successo: innovazione, rispetto per la tradizione, saggezza imprenditoriale, qualità dell’artigianato.

La Cividina, azienda di Martignacco (Udine), sotto la direzione artistica di Luca Botto continua nella sua ricerca tra creatività e design proponendo prodotti che soddisfano gusto estetico e funzionalità ergonomica. Molte le novità di quest’anno che dimostrano di quanto l’azienda abbia osato anche con la sperimentazione. Ne è un esempio il progetto Field of Details, una collezione di cuscini affidata alla creatività di designer molto diversi tra loro per stile creatività. Per il debutto La Cividina ha chiamato Constance Guisset e LucidiPevere Design Studio. La designer francese ha creato la collezione di cuscini Fan che completano divani e sedute grazie ai delicati colori in gradazione. LucidiPevere Design Studio propone Sharpei, una serie di cuscini caratterizzati da raffinati ricami che giocano con eleganti figure e geometrie.
Tra le nuove proposte, Guest un divano dalle forme importanti e sofisticate progettato da Antonio Rodriguez che, per le sue dimensioni, ben si inserisce in contesti architettonici di ampio respiro.
Sebastian Herkner firma Ala, una collezione composta da poltrone, divani e pouf in diverse dimensioni, estremamente leggere ed eleganti. Anche la collezione di tavolini Accursio disegnata da Antonino Sciortino ispira leggerezza e al contempo solidità.

 

Francesca Castenetto

facebooktwitter