Showroom Aesop, una bottega italiana contemporanea

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Un’interpretazione contemporanea delle piccole botteghe italiane degli anni ’30, caratterizzate da dispense e armadietti espositivi, mattonelle in ceramica colorata e ampie lampade in ottone. Così si presenta il secondo showroom Aesop di Milano, aperto in Corso Magenta, in un quartiere storico tra i più eleganti della città. Colori e materiali si mescolano sotto il tocco raffinato dello studio milanese Dimorestudio, con l’intento di creare emozioni ben precise.

Un’atmosfera del tutto unica per il nostro tempo

Tonalità verde marino e giallo limone riportano indietro nel tempo, come le mattonelle in ceramica smaltata, che richiamano le vecchie stazioni ad arco delle metropolitane. Gli armadietti espositivi con gli angoli arrotondati, in tinta verde o gialla, rimandano al gusto degli inizi del ventesimo secolo, il lavandino dimostrativo, in acciaio inossidabile, è ispirato a quelli da cucina tradizionali. Le grandi ed ampie lampade a disco, dalla struttura in ottone, illuminano il piccolo ambiente di 35 mq, riflettendo una luce particolare sulle vetrine e sulle superfici smaltate.
L’entità recuperata si fa architettura di un marchio all’avanguardia nella produzione di prodotti per la cura del viso, dei capelli e del corpo, unici per la presenza di componenti di origine botanica e chimica di alta qualità. I clienti possono esplorare e scegliere tra linee complete di prodotti, immersi in un’atmosfera del tutto unica per il nostro tempo.

Un omaggio estroso al design italiano e alla vita domestica

Nel 2003 Emiliano Salci e Britt Moran fondano DimoreStudio, mettendo insieme le loro conoscenze nel campo del design, dell’architettura, dell’arte e della moda. Ogni progetto vive in un particolare equilibrio tra design, artigianato su misura e recupero, creando e plasmando un percorso visivo ed emotivo senza tempo.
Verde e giallo, lucido e opaco, antico e moderno: un linguaggio costruito dall’insieme di stati emotivi, invenzioni, recuperi, luci, laccature e ossidature. Una ricerca ricca di dettagli tale da trasmettere suggestione e innovazione, ma anche semplicità e citazione.

Elisa Viglianese

facebooktwitter