Spy, una poltroncina firmata Billiani

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Dal design di Emilio Nanni, prende vita una seduta in massello di faggio, imbottita e rivestita in stoffa, in cui il connubio tra il legno, dolcemente modellato, e le finiture sartoriali rende il progetto espressione dell’alto livello qualitativo del Made in Italy.
Spy è una poltroncina con braccioli dalle linee morbide e essenziali, realizzata dalla storica azienda italiana Billiani. A partire dal 1911, l’azienda si specializza nella produzione di sedie, sgabelli e poltroncine in legno, ampliando ed evolvendo continuamente la sua gamma di prodotti per soddisfare le esigenze dei clienti, sempre più eterogenei.

I prodotti di Billiani sono distribuiti in tutto il mondo e fanno parte di mostre e collezioni di design di livello internazionale, dal MoMA di New York alla Triennale di Milano fino alle collezioni private.

Caratterizzata dall’insieme calibrato di pochi e semplici volumi, la poltroncina Spy fa proprie le tinte autunnali, arancio, bordeaux, grigio e crema, alle quali si mescolano tinte più forti come il verde bottiglia, il rosso corallo e il giallo limone. Tonalità soft e dinamiche accompagnano le linee sinuose della poltroncina mentre le finiture sartoriali sottolineano lo spiccato carattere che coniuga l’innovazione alla comodità, invitando a testare la seduta. Le gambe posteriori si dichiarano all’esterno come segno identificativo, armonizzandosi con l’insieme. I materiali selezionati, i colori eleganti e vivaci e la pregiatissima manualità caratterizzano il design delle sedute Billiani rendendole riconoscibili nel panorama del design internazionale.

Nel fare una sedia, siamo in ciò che amiamo fare

Dal 18 al 24 gennaio Spy ed altre nuove collezioni disegnate da Emilio Nanni, Egidio Panzera e Timo Ripatti, sono ospiti all’Imm Cologne 2016 – la prima fiera dell’anno dedicata all’arredamento d’interni e indiscusso punto di riferimento per il mercato internazionale del mobile – a rappresentanza delle nuove funzioni, dei nuovi materiali e dei nuovi modi di pensare il contract nel segno dell’eleganza Billiani.

 

Elisa Viglianese

facebooktwitter