Studio 14 | Tra Design e Architettura

  • O Sole mio_new
  • Cocò_new
  • Burlesque_new
  • Acqua Alta_new
  • studio14_new

Le collaborazioni professionali forti e più durature spesso nascono nelle aule universitarie o alla prova con le prime esperienze lavorative. Questo è il caso di Studio14, di Diego Bassetti e Andrea Panzieri. Designer il primo, architetto il secondo, iniziano entrambi a collaborare nel 2005 presso lo studio di Architettura e Design RA.RI. di Bruno Rainaldi.

Le loro creazioni sono state recentemente apprezzate nella settimana del Salone del Mobile.

Nel 2010 i due decidono di proseguire in autonomia la loro professione fondando lo studio che nel nome evoca un rapporto che unisce i due soci sin dall’infanzia, nati e cresciuti nello stesso quartiere, stessa strada, stesso civico, il N° 14.
Insieme mantengono la massima libertà espressiva, traendo profitto da un grande punto di forza: la loro differente formazione tra architettura e design che li porta ad affrontare progetti appartenenti a diverse discipline spaziando dai lavori progettuali di architettura e interior design, al product design, l’exibition design, l’art direction e la grafica.
Le loro creazioni sono state recentemente apprezzate nella settimana del Salone del Mobile. Per Colico Design hanno creato Burlesque A | B | C | D | E, una collezione essenziale e moderna di lampade componibili a sospensione in lamiera verniciata, disponibili in diversi colori e Cocò, un tavolino dal design interessante con una struttura realizzata in lamiera verniciata bronzo, e una sezione a spicchio in pietra ollare della Valtellina.

Insieme mantengono la massima libertà espressiva, traendo profitto da un grande punto di forza: la loro differente formazione tra architettura e design

Sempre per Colico Design, Studio 14 ha firmato Acqua Alta, un tavolo che per le sue forme e materiali diventa protagonista unico di un ambiente. Si tratta di un tavolo in rovere spazzolato che nella parte finale delle gambe in legno presenta degli elementi in lamiera di diverse altezze che conferiscono grande personalità all’oggetto. L’ispirazione prende spunto dalla città di Venezia, dove i tavoli venivano protetti dai danni dell’alta marea proprio con basi di metallo.
Per Mogg realizzano O Sole Mio, specchio componibile le cui forme omaggiano i paesaggi urbani dei panni stesi al sole che si susseguono di balcone in balcone nelle strette vie delle città e dei borghi. La struttura si allunga su un binario in legno dove dove si infilano i vari moduli specchianti (una maglietta, un pantalone e un asciugamano) che permettono configurazioni diverse e divertenti.
Lo studio collabora con molte altre aziende leader nel settore del light design: Casprini, Antonalngeli Illuminazione , Bilumen, Sforzion Illuminazione, Kundalini, Terzani, Arkof Labosedign.

 

Francesca Castenetto

facebooktwitter